Moxibustione

L’applicazione della moxa (Moe Kusa, erba che brucia), per riscaldare punti d’agopuntura o zone corporee, è una pratica molto antica propria dei sistemi tradizionali asiatici, nei cui paesi ha conosciuto una larga diffusione.

L’”erba che brucia” è l’Artemisia, fatta essiccare per almeno due anni e triturata sino ad ottenere un composto di aspetto lanuginoso che viene poi utilizzato sotto forma di sigari, piccoli coni o lana (lana di moxa). La combustione della lana di moxa sprigiona un calore dolce e penetrante che si diffonde nel corpo riscaldandolo, riequilibrando e stimolando l’energia vitale.

Indicata in tutti i casi in cui bisogna contrastare l’umidità e rafforzare l’organismo, nei cambi di stagione e in inverno quando è più importante dotare il corpo di maggiori difese.

   

Emanuela Amianti
Emanuela Amianti
Operatore Olistico

Svolgo la mia professione per il benessere della persona intesa nella sua globalità: corpo, mente ed emozioni.
Nel 2016 ho inaugurato lo Studio Shendao sulle colline di Tossignano (BO), dove attualmente lavoro.

Negli anni di formazione in Medicina Tradizionale Cinese ho approfondito il Tuina – l’antica arte del massaggio – insieme ad altri trattamenti olistici ausiliari, principalmente orientati al riequilibrio energetico e all’armonia psicofisica.

LEGGI DI PIU’LEGGI DI PIU’

FAI UN REGALO AL TUO CORPO E ALLA TUA MENTE

Prenota subito un trattamento!